giovedì 10 dicembre 2009

Carissimi Onorevoli e Politici

Mi chiamo Alessandra Incoronato ho 41anni e sono affetta da una malattia progressiva e terminale, chiamata Amiotrofia Spinale tipo 2. Sono il Presidente dell’ Associazione “Diritto alla Vita, che si occupa di tutelare i Diritti dei Disabili ed Anziani,  che non più autosufficienti diventano così anche loro Disabili, ora però la mia battaglia è per i disabili. Questa lettera, spiega e spera che possiate capire e salvare la mia vita in pericolo, per amore di chi come me soffre fisicamente, ma non ha la mia stessa fortuna, per far sì che venga rispettata la Costituzione dello Stato Italiano che è legge anche per noi. Vi spiego con grande verità tutto quello mi ha portato a lottare ancora una volta con tutta la mia forza. Anni fa andavo in giro casa per casa sempre con lo stesso titolo di Presidente e in queste case di Disabili ed ho trovato l’inimmaginabile. Le Persone erano impossibilitate per la loro Grave Dipendenza, a mangiare, bere, andare in bagno, ecc. erano in mezzo ai topi, bagarozzi , feci, urina e vermi. Cominciai lo sciopero della fame e così riuscii a far dare l’Assistenza famigliare a chi ne aveva bisogno. Ogni volta che si ripeteva qualche ingiustizia intervenivo sempre con manifestazioni e scioperi della fame ma per me era importante lottare e aiutare chi è nelle mie condizioni ma ripeto sicuramente meno facili. Non lo faccio perché sono buona ma solo per un senso di responsabilità e di rispetto per la vita, poi che senso ha la vita senza dare?  Ho un Marito che mi ama e che tanto amo con la sua  famiglia e la mia. Veri amici, delle brave Assistenti, un lavoro che adoro ecc, ma quanto ho lottato solo Dio lo sa Le mie proteste  hanno sempre avuto esito positivo ma sono stanca di vedere e sentire troppe Ingiustizie e Indifferenza su essere umani completamente indifesi. Non voglio e non posso dimenticare, quei volti impauriti, sperduti, quegli occhi tristi che chiedevano Aiuto, un po’ “di Pietà”. Non ho più intenzione di fare solo la mia vita fortunata e sentirmi in colpa per avere tanto. Facciamo grandi sacrifici io e mio marito:  pagare un mutuo di trentennale per una casetta di 35 mq e tutto il resto ma è meraviglioso per me, anche sapendo come e dove mi porterà la mia malattia, anche con i miei problemi economici come credo per  molti di noi. Ciò che Governo Italiano ha fatto per noi, è impedirci di fare tante cose che ci sarebbero piaciuto fare. Nel mio caso, non ho avuto né la possibilità di studiare né di curarmi come avrei dovuto:  negli altri casi invece c’è anche fame, abbandono e morte spessissimo no per la loro malattia: e Sapete Perché?  Perché il Governo ha Deciso che un Disabile al 100% deve vivere con 255,13€ di Pensione e un assegno di Accompagnamento nemmeno nostro ma che comunque sommato alla pensione oggi arriviamo a 728,13€ (l’elemosina) e per chi non sa o sa ribadisco, che  non  ci chiamassero più Categorie Protette, quando abbiamo pensione più povere di quelle dei poveri. Con questa cifra dobbiamo comprare medicine che non passano (tante), pagare l’assistenti giustamente messe in regola, affitti o mutuo gas, luce, mangiare ecc. secondo Voi ce la possiamo fare, non bastano nemmeno per pagare un lager che chiamano istituti. Sono ancora in semi sciopero della fame iniziato e manifestato il 25/05/2009 a Piazza Monte Citorio, e ripresa da il programma Indignato Speciale e  oltre l’Onorevole Furio Colombo ha considerato con tanta umanità questa civile mia richiesta ed  ora l’Onorevole Fini. Rinunce su rinunce senza pensare, che migliaia di rinunce sono nate già con la nostra malattia. Tutto questo è anticostituzionale e fuori legge. Ho denunciato il Governo, assumendomi tutte le responsabilità, per omissione di soccorso e omicidio  colposo contro le così dette Categorie Protette. Ho chiesto di aumentare le pensioni a 584€ con l’assistenza famigliare gratuita una cifra ragionevole che sarà con l’accompagno di 1.0050. non saremo ricchi ma forse con le due cose moriranno meno di fame ecc. Sono finita in Ospedale ed ho riportato conseguenze permanenti ma non mollerò a costo di, non voglio dirlo ma so che Voi capirete. Con il cuore e tutto l’Amore che Dio mi ha dato per la vita, Vi chiedo di accettare questa ragionevole proposta perché la mia vita possa continuare e perché mai ancora possa dire che Il governo è la piaga da curare più grande del mio mondo e non solo mio. Vi prego porrete fine a questa situazione medioevale e a questo orrore nascosto, dimenticato. Non mollerò fino alla morte.



Distinti saluti



Alessandra Incoronato.



Tel. 0766/513121 Cell.  3922759171 3283535815 blog http://alessandraincoronato.blogspot.com



You Tube alessandra Incoronato



Santa Marinella 03/11/2009

giovedì 12 novembre 2009

No Disabili esclusi

Santa Marinella 8/11/2000

Carissimi al di là del grande dispiacere che ho per queste persone malate di SLA, e per ciò che sono costrette a fare, lottare non solo per la loro malattia, si è giunto un altro dolore per me. La vostra scelta è ingiusta e per niente sensibile. Oltre la SLA, esiste la SMA, la Distrofia Muscolare, la Sclerosi Multipla, la Fibrosi Cistica e altre centinaia di malattie terribili e terminali dove avranno comunque bisogno di essere intubati con tracheotomia come me. Poi però ci sono anche Disabilita che non sono Terminali ma che davanti ai mie occhi sono morti, mangiati dai decubiti, fame nell’abbandono totale e in situazioni medioevali. Questi esseri umani Secondo voi devono soffrire e morire solo perché non hanno la SLA? Credo propri che non è rispettoso per tutte le altre Disabilità e nemmeno per me che sto rischiando la vita con un semi sciopero della fame dal 25 maggio per far dare l’assistenza e l’aumento delle Pensioni a tutti i Disabili. Perché non avete sostenuto con una forte unione la mia battaglia? Non è la stessa vostra richiesta? Onorevole Conscioni la prego uniamoci per tutti e visto che siamo il sesto paese più ricco del mondo non faccia le interrogazioni ma chieda a Tremonti i soldi che servono. Io non molerò mai, fino alla morte. Vorrei parlarle urgentemente e così Le lascio il numero e tutti gli indirizzi per tutte le informazioni che forse non ha visto. Cordiali saluti

Alessandra Incorato

Tel 0766513121 Cel 3922759171 o 3283535815

http://alessandraincoronato.blogspot.com

you Tube alessandraincoronato

Facebook alessandra in rame

martedì 10 novembre 2009

ECCO LA MAI CONDIZIONE FISICA ATTUALE

È dal 25 maggio che sto in un semi sciopero della fame, e i primi tre giorni in completo sciopero. Il Governo non risponde ed ora vi mostro i mie Referti Medici che ne è responsabile lo stesso. Spero che non debba con questi Certificati dare la responsabilità anche alle Televisioni, se sono capaci di nascondere anche questo sacrificio che mi sta portando in un grosso pericolo di VITA. Non mollerò mai, fino alla fine di questo scempio. Tremonti e Berlusconi hanno dichiarato che siamo il sesto paese più ricco del mondo, quindi stiamo tranquilli, non credo che possono continuare a farci soffrire e morire, per Costruire ponti e autostrade. siamo Categorie Protette e loro fuori leggi, anti Costituzionali. Pensioni di 255,13€ a 584€ e l’obbligo dell’assistenza familiare gratuita. Questo chiedo per tutti i Disabili per una sopravvivenza e basta morti per abbandono. Se volte salvare la mia vita, accettate le mie condizioni, sarebbe solo un gesto di Giustizia e di Civiltà, Vostro dovere. Uniamoci e facciamo finire questa assurdità.
Alessandra Incoronato









 



SIGNIFICATO



Certifico che la Sig. Incoronato Alessandra, nata a Roma il 10/04/68 a Roma e residente in Santa Marinella Via dei Gladioli n.1 dal 25/05/09 la paziente iniziato lo il semi sciopero della fame, che ha determinato allo stato attuale un forte stato di debilitazione. Tale situazione  psicopatologica ha determinato il ricovero Ospedaliero della stessa. La paziente è andata incontro a crisi ipoglicemiche ripetute e diselettrolitemia  è stato di dimagrimento e denutrizione. Successivamente la stessa è stata invitata a sospendere lo sciopero della fame e allo stato attuale persiste lo stato di ipoglicemia e disselettrolitemia con gravi ripercussioni in riferimento al suo equilibrio psicofisico.



Dott. Fratesco Rossiello



 





martedì 27 ottobre 2009

Spero che Voi capiate, che questo è lo scempio più grande di tutta la storia del Governo

Carissimi Onorevole, Mi chiamo Alessandra Incoronato ho 41anni e sono affetta da una malattia progressiva e terminale, chiamata Amiotrofia Spinale tipo 2. Sono il Presidente dell’ Associazione “Diritto alla Vita, che si occupa di tutelare i Diritti dei Disabili ed Anziani, che non più autosufficienti diventano così anche loro Disabili, ora però la mia battaglia è per i disabili. Questa lettera, spiega e spera che possiate capire e salvare la mia vita in pericolo, per amore di chi come me soffre fisicamente, ma non ha la mia stessa fortuna, per far sì che venga rispettata la Costituzione dello Stato Italiano che è legge anche per noi. Vi spiego con grande verità tutto quello mi ha portato a lottare ancora una volta con tutta la mia forza. Anni fa andavo in giro casa per casa sempre con lo stesso titolo di Presidente e in queste case di Disabili ed ho trovato l’inimmaginabile. Le Persone erano impossibilitate per la loro Grave Dipendenza, a mangiare, bere, andare in bagno, ecc. erano in mezzo ai topi, bagarozzi , feci, urina e vermi. Cominciai lo sciopero della fame e così riuscii a far dare l’Assistenza famigliare a chi ne aveva bisogno. Ogni volta che si ripeteva qualche ingiustizia intervenivo sempre con manifestazioni e scioperi della fame ma per me era importante lottare e aiutare chi è nelle mie condizioni ma ripeto sicuramente meno facili. Non lo faccio perché sono buona ma solo per un senso di responsabilità e di rispetto per la vita, poi che senso ha la vita senza dare? Ho un Marito che mi ama e che tanto amo con la sua famiglia e la mia. Veri amici, delle brave Assistenti, un lavoro che adoro ecc, ma quanto ho lottato solo Dio lo sa Le mie proteste hanno sempre avuto esito positivo ma sono stanca di vedere e sentire troppe Ingiustizie e Indifferenza su essere umani completamente indifesi. Non voglio e non posso dimenticare, quei volti impauriti, sperduti, quegli occhi tristi che chiedevano Aiuto, un po’ “di Pietà”. Non ho più intenzione di fare solo la mia vita fortunata e sentirmi in colpa per avere tanto. Facciamo grandi sacrifici io e mio marito: pagare un mutuo di trentennale per una casetta di 35 mq e tutto il resto ma è meraviglioso per me, anche sapendo come e dove mi porterà la mia malattia, anche con i miei problemi economici come credo per molti di noi. Ciò che Governo Italiano ha fatto per noi, è impedirci di fare tante cose che ci sarebbero piaciuto fare. Nel mio caso, non ho avuto né la possibilità di studiare né di curarmi come avrei dovuto: negli altri casi invece c’è anche fame, abbandono e morte spessissimo no per la loro malattia: e Sapete Perché? Perché il Governo ha Deciso che un Disabile al 100% deve vivere con 255,13€ di Pensione e un assegno di Accompagnamento nemmeno nostro ma che comunque sommato alla pensione oggi arriviamo a 728,13€ (l’elemosina) e per chi non sa o sa ribadisco, che non ci chiamassero più Categorie Protette, quando abbiamo pensione più povere di quelle dei poveri. Con questa cifra dobbiamo comprare medicine che non passano (tante), pagare l’assistenti giustamente messe in regola, affitti o mutuo gas, luce, mangiare ecc. secondo Voi ce la possiamo fare, non bastano nemmeno per pagare un lager che chiamano istituti. Sono ancora in semi sciopero della fame iniziato e manifestato il 25/05/2009 a Piazza Monte Citorio, e ripresa da il programma Indignato Speciale e oltre l’Onorevole Furio Colombo ha considerato con tanta umanità questa civile mia richiesta ed ora l’Onorevole Fini. Rinunce su rinunce senza pensare, che migliaia di rinunce sono nate già con la nostra malattia. Tutto questo è anticostituzionale e fuori legge. Ho denunciato il Governo, assumendomi tutte le responsabilità, per omissione di soccorso e omicidio colposo contro le così dette Categorie Protette. Ho chiesto di aumentare le pensioni a 584€ con l’assistenza famigliare gratuita una cifra ragionevole che sarà con l’accompagno di 1.0050. non saremo ricchi ma forse con le due cose moriranno meno di fame ecc. Sono finita in Ospedale ed ho riportato conseguenze permanenti ma non mollerò a costo di, non voglio dirlo ma so che Voi capirete. Con il cuore e tutto l’Amore che Dio mi ha dato per la vita, Vi chiedo di accettare questa ragionevole proposta perché la mia vita possa continuare e perché mai ancora possa dire che Il governo è la piaga da curare più grande del mio mondo e non solo mio. Vi prego porrete fine a questa situazione medioevale e a questo orrore nascosto, dimenticato. Non mollerò fino alla morte. Distinti saluti Alessandra Incoronato.



Tel. 0766/513121 Cell. 3922759171 3283535815 blog http://alessandraincoronato.blogspot.com



Alessandra Incoronato alessandraincoronatoinrame@yahoo.it



YouTube alessandra IncoronAlessandra http://www.youtube.com/user/alessandraincoronato



Santa Marinella 25/10/2009

lunedì 14 settembre 2009

FILASTROCCA PER RICORDARE

A te Governo che ci hai sbattuto nell’inferno,

tra solitudine, fame e il gelo dell’inverno.

Noi soli, abbandonati, maltrattati

e da voi dimenticati,

non posiamo mai scordare

quanto ci avete fatto male.

Tutto questo non è umano

ma mai ci avete dato una mano.

Siamo stanchi ed ammalati

e ci siamo abituati,

a non dire che fa schifo,

mentre voi mangiate bevete e dormite

senza pensare a quanti ne fate morire.

Ora basta

qui c’è dittatura

ma a me no fa paura.

Se adesso voi agirete

da la su qualcosa avrete

perché ora da qui mostrate

la miseria della vostra fede.

C’è chi crede e chi no,

ma una certezza io ce l’ho,

lotterò fino alla morte,

per non vedere più cose sporche,

noi gridiamo e vi diciamo,

che al limite ci siamo.

Io sicuro ne ho abbastanza,

di veder troppa ignoranza,

e una assurda disuguaglianza.

Fate gli uomini umani

e tendete le vostre mani,

che da sempre hanno stretto

solo soldi e niente rispetto.

Aumentate le pensioni e l’assistenza alle persone,

che chiamate Categorie Protette

mentre ci fate affette,

provocando dolore,

che non vi fa per niente onore.

non lasciateci ancora soffrire e morire.

Alessandra Incoronato.

venerdì 14 agosto 2009